« Leggi tutte le news

Diario di Capalbio Libri

Capalbio Libri XV (2021)

“Capalbio Talks”, giovedì 29 luglio (secondo incontro)

Condividi su:

La seconda serata di Capalbio Libri presenta il format “Capalbio Talks” con Lorenza Pieri, Giulia Rinaldi e la conduzione di Ivana Agostini: “Per Gemma tanti bel cose per 93. Un baccio da Niki”, in memoria dell’artista franco-statunitense Niki de Saint Phalle che, seguendo l’ispirazione avuta durante la visita al Parque Guell di Antoni Gaudí a Barcellona (poi rafforzata dalla visita al giardino di Bomarzo) inizia la costruzione del “sogno magico e spirituale della sua vita”, concretizzato nel Giardino dei Tarocchi in cui troviamo ventidue imponenti statue ricoperte di vetri, specchi e ceramiche colorate.

Da sinistra Ivana Agostini, Marta Mondelli, Giulia Rinaldi e Lorenza Pieri

Una figura controversa, quasi “sfuggente” (come la definisce la lettrice Marta Mondelli), con un’indole decisamente tormentata come tutti i più grandi artisti che ha vissuto in modo intenso portandosi dentro demoni giganti che ha poi esternato attraverso la sua arte, percepita come una terapia.

Tra movimento, immobilità, crescita, sesso, vita, morte, morte che si riproduce e terrore, estro e follia, la sua esistenza si snoda e prende le fattezze di una “danza di serpenti” che si accoppiano in un ballo di morte e vita insieme.

Vengono toccate tematiche forti, come gli abusi del padre che per un periodo della sua vita ha inconsciamente archiviato e che sono riemersi a seguito del suo ricovero psichiatrico, dopo essere stata internata e dopo aver attraversato un calvario psicologico che l’ha portata ad affermare di essere entrata in quell’ospedale da schizofrenica e di esserne uscita nelle vesti di artista.

La figura del padre in questo caso si scontra violentemente con il “biasimo e desiderio” sporco che sente quando lui le si avvicina.

“Sembravo più grande, e me lo facevano pesare”, racconta, e quando era solo una ragazzina e agiva con ingenuità cercando riparo tra le braccia del cugino, i suoi genitori proiettavano nei suoi gesti una malizia che non le apparteneva. I pensieri dei grandi entravano nei gesti di una bambina e ne sporcavano le intenzioni.

Le ospiti sul palco di Capalbio Talks ne ricordano la purezza, che persisteva nonostante i mostri conosciuti nel corso della sua vita. Non scriveva bene in lingua italiana, “Era generosa, e quando regalava i suoi dipinti alle amiche, firmava così: Un Baccio da Niki”.

Un viaggio nei ricordi fa così emergere il lato umano di una grande artista la cui genialità è indiscutibile.

Leggi anche

Diario di Capalbio Libri

Paolo Di Paolo, Martedì 8 Agosto 2023, (secondo incontro)

Protagonista dell’appuntamento conclusivo della 17° edizione di Capalbio Libri è stato lo scrittore Paolo Di Paolo con il proprio libro “Trovati un lavoro e poi ...
Diario di Capalbio Libri

Carlo Cottarelli, Martedì 8 Agosto (primo incontro)

L’autore protagonista dell’incontro di Martedì 8 Agosto alle ore 20:00 è stato l’economista Carlo Cottarelli che ha presentato il suo saggio “Chimere. Sogni e fallimenti ...
Diario di Capalbio Libri

Fabio Genovesi, Lunedì 7 Agosto, (secondo incontro)

Fabio Genovesi, “Oro puro“, Mondadori, è l’autore presentato nell’incontro di Lunedì 7 Agosto alle ore 22:00. Con lui, sul palco della Terrazza Capalbio Libri di ...
Diario di Capalbio Libri

Antonella Viola, Lunedì 7 Agosto (primo incontro)

Antonella Viola, “La via dell’equilibrio. Scienza dell’invecchiamento e della longevità“, Feltrinelli, è l’autrice protagonista dell’incontro di Lunedì 7 Agosto alle ore 20:00 presso la Terrazza ...
Diario di Capalbio Libri

Antonio Monda, Domenica 6 Agosto 2023, (secondo incontro)

Domenica 6 Agosto alle ore 22:00 a presentare il proprio libro dalla Terrazza Capalbio Libri di Piazza dei Pini è stato Antonio Monda con “Il ...
Diario di Capalbio Libri

Martina Carone, Domenica 6 Agosto, (primo incontro)

A presentare il proprio libro dalla Terrazza Capalbio Libri di Piazza dei Pini, Domenica 6 Agosto alle ore 20:00, è stata l’autrice Martina Carone con ...